Regular Posts Tagged ‘Social’
25 feb 2012 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Pinterest_Logo

Da un paio di giorni sto giochicchiando con Pinterest, il social media del momento, e mi piace molto, anzi moltissimo.

Cos’è?
E’ una bacheca dove raccogliere le immagini trovate su internet che desideriamo memorizzare. Simile a Twitter e Instagram per la semplicità, a Delicious e StumbleUpon per la possibilità di memorizzare link, ci sono i commenti e i “mi piace” come su Facebook, ricorda Flipboard per la grafica essenziale, ma è diverso da tutti, sembra abbia trovato la sua nicchia con stile e simpatia.

Come si usa?
Dopo la registrazione, viene creata una pagina da riempire con le Board (categorie/argomenti/scaffali) che ci interessano. Ogni volta che vogliamo appuntarci qualcosa utilizziamo il pulsante Pin it (da installare nel browser). Se invece siamo dentro Pinterest, possiamo fare Repin per metterlo nelle nostre board, cliccare su Like se ci piace o su Comment per commentare.

Come si entra?
Per il momento su invito, da richiedere direttamente a Pinterest nella homepage, oppure si può accedere tramite l’account di Twitter o Facebook.

Prime impressioni
E’ un social visuale, pulito graficamente, femminile. E’ un’occasione per passare il tempo guardando mille cose diverse, lasciandosi ispirare dai pin degli altri, spiluccando qua e là, creando pagine e pagine di colori, sensazioni, desideri, pensieri. Mi piace perché libera la parte femminile di me, solitamente ben nascosta :-)

Se volete capire meglio di cosa si tratta, ecco alcuni riferimenti utili:

Se volete seguirmi su Pinterest, sono qui.

          

6 ott 2011 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Steve Jobs

Comunicato ufficiale Apple

Steve jobs è morto. Era malato di cancro da tempo.

Ci lascia una persona che ha cambiato computer, musica, cinema, cartoni animati, telefoni e presentazioni.

Il suo discorso più bello è stato quello tenuto a Stanford nel 2005.

Grazie Steve e buon viaggio.

          

12 mag 2011 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti

Facebook ha pubblicato una breve guida (in PDF 3,6 Mb) in inglese che indica le buone pratiche per fare marketing su Facebook.
Gli ho dato una velocissima occhiata: grafica pulita e piacevole, 14 pagine, 5 linee guida.

La notizia arriva da un tweet di Robin Good via ReadWriteWeb.

          

26 apr 2011 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti
  1. Rilassatevi – Relax
  2. Abbiate senso dell’umorismo – Have a sense of humor
  3. Trovate la vostra voce e usatela – Find your voice and use it
  4. Dite la verità – Tell the truth
  5. Non fatevi prendere dal panico – Don’t panic
  6. Divertitevi – Enjoy yourself
  7. Siate coraggiosi – Be brave
  8. Siate curiosi – Be curious
  9. Giocate di più – Play more
  10. Sognate sempre – Dream always
  11. Ascoltate – Listen up
  12. Chiacchierate – Rap on

Questa lista si intitola I 12 strepitosi passi del programma Cluetrain per avere successo negli affari su internet ovvero “The Cluetrain Hit-One-Outta-the-Park Twelve-Step Program for Internet Business Success” ed è un estratto dal sesto capitolo del Cluetrain Manifesto.

Il Cluetrain Manifesto nasce nel 1999 da Rick Levine, Christopher Locke, Doc Searls e David Weinberger prima come sito, poi come libro (disponibile online). Parla di nuovi mercati, del rapporto tra aziende e consumatori e soprattutto della forza che le persone acquisiscono nelle comunità virtuali.

Perché parlarne adesso? Perché in questi giorni sto preparando un corso, aggiornando le slide, rileggendo vecchi  libri, nuovi libri ed ho riletto le 95 tesi del Cluetrain Manifesto tradotte da Luisa Carrada. Le ho trovate straordinariamente attuali, più attuali ora di quando le lessi la prima volta più di 10 anni fa. Ora che i social network sono diventati così importanti, ora che le aziende vogliono o devono esserci.

Prendiamo la frase che introduce le 95 tesi: Non siamo spettatori, né occhi, né utenti finali, né consumatori. Siamo esseri umani e la nostra influenza va al di là della vostra capacità di presa. Cercate di capirlo. (“We are not seats or eyeballs or end users or consumers. We are human beings  – and our reach exceeds your grasp. Deal with it.”)

Mentre la 95esima tesi conclude così: Ci stiamo svegliano e ci stiamo linkando. Stiamo a guardare, ma non ad aspettare (“We are waking up and linking to each other. We are watching. But we are not waiting.”)

N.B. Oltre ai testi originali vale la pena di leggere la chiave di lettura suggerita da Wikipedia e l’articolo che Luisa Carrada scrisse all’epoca su Mestiere di Scrivere.

          

25 mar 2011 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

(post aggiornato)

Sto cercando di mettere ordine su Twitter e così ho prodotto una nuova lista pubblica: Blogger Italiani.

Persone interessanti che si occupano di: cultura digitale, marketing, presentazioni, seo, informatica, sicurezza, legge, giornalismo, pubblicità, social media e comunicazione in generale.

Se la lista vi piace e desiderate seguirla, vi basta seguire il link della lista, essere iscritti a Twitter e cliccare sul pulsante “Segui questa lista”.

Se volete segnalare altri blogger italiani, siete i benvenuti!

          

21 mar 2011 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Da qualche settimana sono su Facebook, sia come occhioepenna che come Elena Fizzotti.

Proseguendo la strada scelta per Twitter e Linkedin, anche su Facebook cerco di segnalare notizie e condividere curiosità.

Vi aspetto per un saluto e due chiacchiere.

          

16 feb 2011 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti

Social Media Anne Helmond

Identik di Linkedin (via Gigya)

La vita frenetica del Social Media Manager (via SocialCast)

Social media: i legami che rafforzano le imprese (via SocialCast)

          

14 feb 2011 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti

TechKing è un sito che contiene molte infografiche relativi all’informatica, eccone una serie:

          

10 feb 2011 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti
Luca De Biase nel suo blog scrive un’articolo interessante: Citare gli altri definisce la propria identità.

Avete un animo divulgativo o no?

Sempre di De Biase da leggere anche Ecologia dell’attenzione e We are the Media (che fa riferimento al libro di Dan Gillmore e anche a questo post di Joho).

          

9 feb 2011 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

WWF – We Are All Connected from Troublemakers.tv on Vimeo.

Bello, bello, bello!

          

8 feb 2011 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti

TED è un sito che riesce a far pensare, emozionare, ispirare.

I TED’s Talks sono brevi relazioni di persone intelligenti e veramente brave a comunicare

Alcuni esempi:

          

8 feb 2011 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti
I tweet e i post di occhioepenna
Da qualche tempo sto sperimentando Twitter per capire come farlo interagire con questo Blog.

Non mi piace l’idea di scrivere le stesse cose in due posti diversi, mi sembra un po’ scemo.
Quindi vorrei provare questa strada: su Twitter posterò le cose più sfiziose e sul Blog quelle più significative o alcuni estratti da Twitter o post che riassumono una serie di tweet.

Vediamo come và.

(aggiornato l’8 marzo 2011)

          

8 feb 2011 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti

Facebook in Italia

Pasticciando e sperimentando su Twitter sono incappata sul blog di Vincenzo Cosenza Vincos.it, molto interessante e denso di informazioni utili.

Cosenza si occupa di social network ed ha la passione delle infografiche:

          

12 mar 2010 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Attivissimo parla di ChatRoulette, ne parlano molto anche i media americani.

Il Daily Show di Jon Stewart ne ha parlato nella puntata del 4 marzo 2010.

Cos’è?
Un social network dove si videochatta con chiunque capiti, ovviamente c’è di tutto.
Ma premendo F9 (il tasto presente sulla vostra tastiera) potete cambiare persona con cui chattare. Potete farlo voi e possono farlo gli altri in qualunque momento.
Com’è?
L’ho provato per qualche minuto e non l’ho trovato entusiasmante, forse è troppo poco per dare un giudizio, forse semplicemente non apprezzo il genere, non so se per questione d’età o di carattere.
Farci un giro non costa nulla e non richiede registrazione (questo è strano e piacevole).
          

9 mar 2010 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Oggi mi sono registrata su Twitter.

Perché iscriversi a Twitter?
Ci sono alcuni personaggi che mi interessa seguire.

Perché sono su Twitter e non su Facebook?
Non lo so esattamente, questione di pelle probabilmente?
Facebook non mi convince molto, di Twitter mi piace il limite dei 140 caratteri.
Di entrambi mi preoccupa la privacy.
Ma desideravo provarne uno e tanto valeva partire con il più nuovo.

Vedremo…

          

9 mar 2010 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Sono un formatore e quindi anche un divulgatore e quando trovo altri divulgatori che fanno bene questo mestiere sono felice.

Gianni Crestani con il sito PCdaZero.it mi sembra proprio bravo.
Ho seguito le sue video-istruzioni per Twitter, facile, utili e concise.
          

17 lug 2009 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Sul suo blog Paolo Attivissimo siggerisce di pubblicizzare questa notizia: Ilaria Visca non è un hacker.

La signora Ilaria Visca e il signor Paolo Monasterolo pare siano vittime di un utente di Facebook.
L’utente pare gli abbia fatto uno scherzo (?!?!?!?), diffondendo la bufala, che Ilaria e Paolo siano due hacker.
Volentieri rilancio la notizia, augurando a Ilaria e Paolo di recuperare in fretta serenità.
          

7 dic 2008 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Poco tempo fa ho accennato ad Anobii, e dopo pochi giorni ho scoperto un servizio simile, ma nato prima, che si chiama LibraryThing. Oggi cerco di spiegare qualcosa in più e meglio.

Sia Anobii che LibraryThing sono social network, reti sociali, dedicati ai libri.
In internet un social network è un sito che raccoglie persone intorno ad un argomento di interesse comune, come i video, le foto, la cucina, i libri, la musica, Star Trek, e così via.
Probabilmente conoscete Flickr, un sito che raduna chi ama la fotografia e vuole condividere la sua passione mostrando i propri scatti o le foto che ama di più, oppure YouTube che svolge la stessa funzione per i video, oppure Last.Fm per la musica, Linkedin per il lavoro.
Anobii e LibraryThing sono l’equivalente di questi siti, però dedicati ai libri. Sono luoghi dove archiviare i libri letti o posseduti, scrivere commenti e recensioni, condividere opinioni.
Anobii lo conosco abbastanza e lo uso da poco, ma lo trovo simpatico e comodo, permette di archiviare i propri libri, di creare una lista di libri desiderati, di esportare la propria lista di libri in formato excel e molte altre cose.
Per quanto riguarda LibraryThing, gli ho dato un’occhiata e ho cercato alcune recensioni. Non mi sono fatta un’idea chiara, e non ho avuto tempo di provarlo, ma desideravo appuntarmi questo sito.
Che dire di più, se volete venire a visitare la mia libreria (incompleta per il momento, ma sono all’inizio) e Buona lettura!
          

27 nov 2008 Categorie: Blog, Strumenti 0 Commenti

Oggi ho fatto 2 piacevolissime scoperte legate ai libri e desidero ricordarne altre, di qualche tempo fa.

Il sito Bertleby propone molti libri in lingua inglese da leggere e consultare online, un po’ come Liber Liber del progetto Manuzio.
L’università VU di Amsterdam mette a disposizione l’edizione completa del 1918 di un classico per chi desidera migliorare il suo stile di scrittura: “The Elements of Style” di W. Strunk Jr.
Giuseppe Ierolli ha curato la traduzione di tutta l’opera di Emily Dickinson in questo sito, se desiderate invece leggerle solo in inglese, bartleby vi viene nuovamente in aiuto.

N.B. Mi sono re-iscritta ad Anobii, social network per chi legge, mi riprometto di inserire tutti i libri che leggerò, che ho appena comprato e quelli che desidero comprare. E se sarò molto diligente e avrò molto tempo, anche quelli che ho letto, almeno una parte. La mia pagina è qui. A breve conto di personalizzarla un poco.
          

11 dic 2007 Categorie: Articoli, Blog 0 Commenti

Trovo molto interessante questo post (ovvero articolo presente su blog o forum) che parla di come si è evoluta la comunicazione dall’e-mail a Twitter (qui una bella spiegazione).

Anche se non masticate troppo l’inglese, il grafico è illuminante.

Buenas noche!